Apple apre le porte delle sue fabbriche per alcune ispezioni ambientali

Mentre la FLA sta lavorando per verificare le condizioni di lavoro dei dipendenti all’interno degli stabilimenti della Foxconn, Apple ha deciso di aprire le porte di altri stabilimenti per verificare l’impatto ambientale di queste ultime e l’impiego delle risorse.

 

 

Ma Jun, fondatore dell’Institute of Public & Environmental Affairs, afferma che Apple ha aperto le porte di due fabbriche in Cina, e tale ispezione e da considerarsi indipendenti dalle azioni che sta svolgendo il FLA.

 

I controlli inizieranno nella prima settimana di marzo, e saranno volti a verificare l’impatto ambientale degli edifici Foxconn e di un’altra grande azienda di cui non è stato rivelato il nome. In seguito tale ispezione verrà espansa in tutti quegli edifici Foxconn in cui vengon assemblati i vari dispositivi Apple.

 

Inoltre, Linda Greer del National Resourses Defense Council’s health program, rivela che Apple avrebbe deciso di dare libero accesso agli ispettori per verificare come vengono impiegate le risorse in modo da evitare che i produttori possano inquinare l’ambiente.

 

Via | AppleInsider

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 19 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.